Inizia: 7 Luglio 2019
20:00
Finisce: 7 Luglio 2019
23:00

Sede Evento

Teatro dell'Opera 1 Piazza BeniamIno GIgli 00184 Roma RM

GPS: 41.9008887, 12.495327

Mancano pochissimi giorni al ritorno in scena della Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma. Si andrà in scena domenica 7 luglio al Teatro Costanzi, gremito in ogni ordine di posto come consuetudine, per una serata spettacolo all’insegna del repertorio trasversale con uno sguardo costante al passato ed uno sempre più proiettato verso il futuro.

Laura Comi

La direttrice Laura Comi non ha lesinato energie quest’anno per la sua scuola, chiamando al suo fianco Eugenio Scigliano per un laboratorio contemporaneo e ben due coreografi ospiti del valore di Giorgio Mancini e Mauro Bigonzetti, generoso mecenate della scuola di via Ozieri con la donazione del suo titolo “Turnpike” del 1991 sulle musiche di Johann Sebastian Bach Balletto per l’allora Balletto di Toscana, ripreso successivamente nella stagione ‘97/’98 per la Deutsche Oper di Berlino e nel 1999 per lo State Ballet di Ankara.

Ma chi condivide con Laura Comi le giornate di lavoro con gli oltre centocinquanta allievi e chi ha preparato questo saggio-spettacolo di domenica? Silvia Curti, Ofelia Gonzalez, Gaia Straccamore, Alessandro Bigonzetti, Alessandro Molin, Pablo Moret e Gerardo Porcelluzzi. Oltre all’insegnante di repertorio classico Gaia Straccamore, all’insegnante del corso di fisiotecnica e propedeutica alla danza Valentina Canuti ed all’insegnante del corso di storia, teoria e cultura musicale Giuseppe Annese mentre i maestri accompagnatori al pianoforte sono Alice Michahelles, Sergio Di Giacomo e Samuel Tanca.

Un tourbillon di nomi e cognomi, tutti impegnati a sostenere i giovani talenti e lanciarli nel mondo del professionismo in scena o ancora in sala nelle vesti di insegnanti. È questo infatti lo spirito che ha unito il soprintendente Carlo Fuortes e la direzione della Scuola di Danza per l’istituzione del Corso biennale per Insegnanti di Danza Classica lo scorso ottobre per trentacinque partecipanti che, tra l’altro, hanno già sostenuto la prima sessione d’esame di ammissione al secondo anno del biennio. Un corso di alta formazione con la presenza dei docenti Lia Calizza, Annamaria Salzano, Silvia Bassi, Valentina Canuti, Laura Di Renzo, Massimiliano Craus e Giuseppe Annese.

Un modo come un altro di occuparsi di danza a 360°, proprio come nelle corde della direttrice Laura Comi che ha voluto anche presentarci lo spettacolo di domenica 7 luglio al suo amato Teatro Costanzi:

il programma di quest’anno si compone di coreografie dallo stile dissimile tra loro. Durante il percorso di studi che proponiamo, gli allievi hanno la possibilità di incontrare maestri e coreografi di diversa provenienza artistica. La serata del 7 luglio rappresenta una sintesi del lavoro svolto durante l’anno. Tramite lo studio assiduo e quotidiano, l’attenzione, come sempre, è finalizzata alla realizzazione di uno spettacolo in cui la Scuola di Danza dimostra nel migliore dei modi, come lo studio tecnico sia al servizio dell’evoluzione artistica. La serata si apre con due creazioni realizzate proprio per i nostri allievi: “Imago” del maestro Giorgio Mancini sulle musiche di Joseph Haydn, Jean-Philippe Rameau e Christoph Willibald Gluck. A seguire “Geometrie per due quintetti” del maestro Eugenio Scigliano sullo spartito di Luigi Boccherini. Segue poi la coreografia “Turnpike” del maestro Mauro Bigonzetti, ripresa da Annamaria Galeotti su musiche di Johann Sebastian Bach, che gentilmente ha concesso alla Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma di riportare in scena questo suo lavoro del 1991 con un gruppo di ragazzi del settimo e dell’ottavo corso. La serata si chiude con “Schiaccianoci divertissement” dei maestri Ofelia Gonzalez e Pablo Moret sulle musiche naturalmente di Piotr Ilich Ciaikovskij. Un classico del nostro repertorio che impegna ragazzi dal quinto all’ottavo corso stimolandoli nella tecnica, nello stile e nell’interpretazione. Insomma un programma articolato che desideravo portare in scena per una più completa presentazione della Scuola di Danza, e per premiare il lavoro dei ragazzi e di tutto il corpo docente.

Parole, nomi e musica condivisa dal soprintendente Carlo Fuortes, notoriamente interessatissimo alle sorti del comparto danza del teatro e della sua scuola come si evince dalle sue ultime dichiarazioni pubbliche in cui ammette quanto la qualità artistica e la crescita delle professionalità dell’intera Fondazione partono proprio dai più giovani. A loro si dona quotidianamente il meglio della nostra conoscenza e competenza, a loro si guarda con gli occhi pieni di speranza per la cultura ballettistica del nostro Paese. Il lavoro svolto da Laura Comi e dal suo staff è lodevole e la passione che lo anima uno stimolo per tutti noi.

Commissioni e Biglietti
Gratis
0,00 €
Categorie
Spettacoli
Spettacoli

Organizzatore

Istituita nel 1928, la Scuola di Danza del Teatro dell'Opera di Roma è una delle più antiche e prestigiose istituzioni.…