Sempre più repertorio contemporaneo al Teatro Bellini di Napoli, con il quinto appuntamento in cartellone appannaggio di Emma Cianchi che rivisita il suo “Cielo” con la produzione di Artgarage e Korper, in scena il 4 e 5 dicembre alle ore 21.

Cielo al Teatro Bellini di NapoliSi direbbe il ritorno a casa della co-curatrice artistica della sezione danza del Teatro Bellini Emma Cianchi, a braccetto per il secondo anno consecutivo con Manuela Barbato, che nel “suo” teatro propone al pubblico un nuovo allestimento di “Cielo” per le grandi occasioni.

Ma andiamo con ordine, intanto rileggendo le note di regia scritte per raccontare nei meandri il “Cielo” al femminile immaginato dalla coreografa, in primis per non lasciare nulla intentato! Del resto il passato prossimo e remoto delle produzioni “made in Artgarage” sono sempre state così, molto intimiste ed al contempo altoparlanti di contenuti assai profondi.

E proprio in quelle righe si definisce come nello spazio apparentemente definito, eppure immenso, dove ogni cosa è intuibile ma mai manifesta una luce soffusa svela il femminile e accompagna l’intreccio relazionale tra attrazioni e repulsioni, istinto di conservazione e di distruzione.

Un disegno dinamico e ancestrale da cui si sprigionano movimenti dal ritmo crescente e che vede la sua genesi nell’estasi mistica fino alla connessione con l’infinito: un incessante cercare, un inevitabile confronto, un eterno domandare dinnanzi all’immensità del Cosmo.

Domande e risposte che ha visto l’intera carriera di Emma Cianchi confrontarsi con nomi altisonanti della danza, attraverso lavori più o meno continuativi con i vari Carolin Carlson, Susanne Linke, German JaureguiI, David Zambrano, Tery Weikel, Ivan Wolfhe, Susan Sentler, Sandra Fuciarelli, Richard Haisma, Beatrice Libonati, Antonella Bertoni-Michele Abbondanza, Simona Bucci, Fabrizio Monteverde, Lola Keraly, Bruno Collinet, Christopher Huggins, Bruno Agati, la Murray Lewis Dance Company e Lutz Gregor ed Isabel Rocamora per video-danza e Physical Cinema ma sempre sotto l’egida della Tecnica Nikolais a cui non ha mai voluto rinunciare.

Emma Cianchi - Cielo al Teatro Bellini di NapoliMa è tornando a “Cielo” che Emma Cianchi riprende fiato, entrando nel vivo della storia umana in rosa specificando come l’universo e le sue leggi, lo spazio e la sua potenza armonizzante e generatrice si confrontano con la matrice femminile che tutto crea e regola. Ishtar con la sua enigmatica stella a otto punte e prima Dea Madre ad essere venerata è la massima espressione del femminino nelle antiche civiltà.

Dal suo mito derivano il culto di Iside, di Demetra, di Venere,  fino all’adorazione della Vergine Maria. Dal paganesimo al cattolicesimo un viaggio sensoriale che attraverso i millenni connette con l’universo e racconta con proiezioni, disegni e testi, il potere immenso della donna e la sua missione salvifica.

Non c’è di che meravigliarsi, tuttavia, se le donne d’altri tempi vengono qui rivestite di abiti e costumi del futuro! Come la stessa coreografa ha precisato, la danza fluida e dinamica, arricchita da momenti più tipicamente teatrali, segue il movimento degli astri e ne svela il carattere magico e fisico in una dicotomia perfetta: parole e musica, suono e voce conducono lo spettatore a varie interpretazioni della parola “cielo” in un percorso semantico che attraversa i millenni tra legenda, scienza, filosofia e pura immaginazione.

Danza, teatro, musica, videoproiezioni e interazione digitale: la combinazione tra diverse discipline e la collaborazione tra artisti di provenienza differente dà vita ad un lavoro avanguardista in cui l’elemento magico va di pari passo con l’interpretazione ostinatamente razionale. Magia, irrazionale, razionale: “Cielo”, una moltitudine di donne, un’incessante danza evocativa in un’incessante crescita di dinamiche, direzioni, forze per raccontare il femminile e i suoi molteplici aspetti , in uno spettacolo al limite del magico e del misterioso.

Una fusione tra culto e nuove tecnologie per Emma Cianchi, prontissima per l’allestimento nella due-giorni del 4 e 5 dicembre sul palco del “suo” Teatro Bellini.

Posto: Teatro Bellini di Napoli - Via Conte di Ruvo, 14 - 80135 (NA)
Sto caricando…

Su questo sito utilizziamo i Cookie secondo le finalità indicate nella nostra Cookie Policy. Prima di continuare nella navigazione ti chiediamo di fornirci il tuo consenso. Per maggiori informazioni ti invitiamo a visitare la pagina dedicata. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi