Il Boléro di Ravel non è un monumento intoccabile, ma qualcosa che appartiene a ognuno di noi. A partire da questo presupposto il coreografo e danzatore spagnolo Jesús Rubio Gamo (Madrid, classe 1982), ritorna in scena con un nuovo spettacolo sulle celebri musiche di Ravel. Il suo Gran Bolero è un vero e proprio inno alla danza e al movimento, un lavoro sull’incontro con l’altro e sulla resistenza. Una lotta contro il tempo, fino a rimanerne spezzati.

Bio
Jesùs Rubio Gamo (Madrid, 1982) è un danzatore, coreografo e scrittore. Dopo aver studiato danza classica e contemporanea e conseguito il diploma alla Royal School of Dramatic Art, vince la borsa di studio MAE-AECI per gli permette di proseguire il suo percorso di formazione in un paese straniero. Si trasferisce a Londra dove completata un master in coreografia presso la London Contemporary Dance School (Distinction). Studia anche al master in performance studies offerto dal Museo Nacional de Arte Reina Sofiìa di Madrid. Il suo lavoro è stato presentato a festival nazionali e internazionali (come Chantiers d’Europe, Théâtre de la Ville – Parigi, Escena Contemporánea – Madrid, Touch Wood – Londra, FAEL – Lima, Les Plateaux, La Briquetterie – Parigi, Tanzfaktur – Colonia, ARC for Dance – Atene o Romaeuropa Festival), nei musei (CA2M – Madrid, Artium – Vitoria, Pablo Serrano – Saragozza, Museo de Bellas Artes de Bilbao); in spazi non convenzionali e per strada. I suoi ultimi due pezzi BOLERO – un breve duetto per la nota composizione di Maurice Ravel – e Now, before we get too old – un assolo presentato in anteprima al Festival Danza_MOS Conde Duque di Madrid – sono stati selezionati per Aerowaves 2017 e 2018. Proprio con la versione breve di BOLERO e in collaborazione con Aerowaves, Gamo è approdato per la prima volta al Romaeuropa Festival. Oggi continua a lavorare sulla celebre composizione costruendo un lavoro più lungo, per 12 danzatori, dal titolo GRAN BOLEROpresentato in prima assoluta nel 2019.

Crediti
Ideazione, regia e coreografia: Jesús Rubio Gamo
Interpreti: Alberto Alonso, Eva Alonso, Albert Barros, Agnès Balfegó, Natalia Fernandes, María Hernando, Joel Mesa, Iván Montardit, Clara Pampyn, Carlos Peñalver, Jose Ruiz, Paula Tato
Musica: José Pablo Polo basado en Boléro de Maurice Ravel
Costumi: Cecilia Molano
Costruzione: Naldi Fernandes
Disegno luci: David Picazo
Assistenza alla regia: Alicia Cabrero
Consulenza artistica: Elena Córdoba

Produzione: Jorge Rúa | Aiutante alla produzione: Claudia Córdova | Fotografia: Eva Guillamón, Claudia Córdova, Belén Iniesta | Studenti tirocinanti del Conservatorio Superiore di Danza María de Ávila e sostituti: Marta Grifé, Emma de la O Callejo, Aurora Constanza, Laura Eugenia Sánchez, Raúl Pulido | Studenti tirocinanti del Institut del Teatre de Barcelona: Silvia Batet e Cristina Martí.
Cordinazione tecnica: Daniel Checa | Coproduzione: Mercat de les Flors y Teatros del Canal | Con la collaborazione di: Conde Duque y Universidad Complutense de Madrid | Ringraziamenti: Natalia Álvarez Simó, Marion Betriu, Àngels Margarit, Marc Olivé, Concha Hernández, Carmen Fuentes, María José Aliste, Beatriz Arazamendi, Rocío Casado, Miriam Martín, Tamara Reyes, Carmen Senra, Colegio Mayor Santa María de Europa, Lipi Hernández, Laura Kumin, Inés Narváez, Anna Mateu, Mireia Campo, César Louzan, Fran Martínez, Mario Olave, Carlos Beluga, Juan Carlos Toledo, Poliana Lima, Eduardo Bonito, Lucía Marote, Julen Arévalo, Eugenio Rubio, Javier Guerrero.

(Foto: ©Claudia Córdova)

Posto: Teatro Vascello Via Giacinto Carini, 78 00152 Roma
Sto caricando…

Su questo sito utilizziamo i Cookie secondo le finalità indicate nella nostra Cookie Policy. Prima di continuare nella navigazione ti chiediamo di fornirci il tuo consenso. Per maggiori informazioni ti invitiamo a visitare la pagina dedicata. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi