Nel 1920 nasceva a Roma Federico Fellini per cui, a distanza di quasi un secolo, la direttrice artistica del Balletto di Benevento Carmen Castiello ne vuole ricordare il nome e le opere con un’estate interamente dedicata a lui.

Con lo spettacolo di domenica 1 settembre sul palcoscenico dell’Anfiteatro romano di Benevento accanto a Carla Fracci, sua tersicorea ispiratrice, e Giancarlo Giannini, voce narrante pensata ad hoc. Verrebbe da dire Benevento città aperta, dunque, parafrasando Rossellini e lo stesso Fellini, con una serie di iniziative volta a ricordare il grande regista riminese non solo nel segno della danza: cominciando con la notte del 19 agosto con “la strada…la notte“, una performance di improvvisazione di danza a cielo aperto su musiche di Nino Rota, accompagnata dai musicisti dell’Orchestra Filarmonica di Benevento. Le suggestioni musicali daranno vita ai movimenti e libera interpretazione dei danzatori. Il corpo danzante si farà infatti scrutare nella notte per le strade della città sannita dalla macchina fotografica in una sequenza di emozioni dettata dalla musica, trasformando continuamente la percezione dello spazio in cui viene visto.

Le foto realizzate dai fotografi dell’Accademia “Margaret Cameron” di Angela Orsillo daranno vita ad una mostra presso Palazzo Paolo V dal 26 agosto al 7 settembre mentre il 20 agosto alle ore 20 ci sarà la proiezione del film “La strada” di Federico Fellini con musiche di Nino Rota presso Palazzo Paolo V. Seguirà un dibattito con esperti del cinema, della musica e degli organizzatori dello spettacolo “Omaggio a Fellini”.

Dal 7 al 15 settembre sarà infine allestita la mostra fotografica presso il Museo del Sannio con documenti fotografici relativi allo spettacolo “Omaggio a Fellini” con il coordinamento artistico di Rosanna De Cicco. Una città dedicata a lui, al protagonista scelto quest’anno da Carmen Castiello per risalire la china artistica e culturale nel più breve tempo possibile. E’ lei stessa, infatti, a citare Pier Paolo Pasolini per scuotere gli animi pensanti della cittadinanza attiva:

“…e noi abbiamo una vera missione, in questa spaventosa misera Italia, una missione non di potenza o di ricchezza, ma di educazione, di civiltà”. Pasolini, Fellini, Fracci e Giannini: un poker d’assi per la città di Benevento che si gioca il proprio presente ed il proprio futuro artistico e culturale con le idee e l’azione di una donna d’arte, Carmen Castiello naturalmente, che ha mosso le acque stagnanti della danza nostrana con un’operazione davvero assai significativa. Ed eccola lì umilmente a raccontare a tutti l’ennesima buona idea da tramutare in realtà con poche risorse e tantissimi buoni propositi: l’idea di realizzare un’opera e balletto mettendo insieme le realtà artistiche dei giovani danzatori e musicisti sanniti nasce perché i nostri artisti abbiano la possibilità di esprimersi nel loro territorio. La compagnia Balletto di Benevento e Orchestra Filarmonica di Benevento sono una risorsa e un vanto per la nostra città, la loro collaborazione e la loro sinergia potrà essere un nuovo punto di partenza per donare alla città quel titolo di “Benevento città della cultura” tanto caro al territorio. Lo spettacolo prevede la partecipazione del Corpo di Ballo della “Compagnia Balletto di Benevento”. I ballerini solisti si sono formati presso enti lirici e accademie di prestigio quali l’Accademia Nazionale di Danza, il Teatro San Carlo di Napoli ed il Teatro Alla Scala di Milano. Questa iniziativa giunge alla sua quinta edizione dopo grande successo delle precedenti, nelle quali sono state portate in scena opere come “Carmen”, “Romeo e Giulietta”, “West Side Story” e “Il racconto del Fantasma dell’Opera”, con la presenza di oltre millecinquecento persone ad ogni spettacolo e l’attenzione della stampa campana e nazionale, in quanto la nostra Compagnia è una delle poche in Italia che presenta spettacoli con l’Orchestra e cantanti dal vivo.

Tutti artisti voluti fortemente proprio da lei, a cominciare dal Direttore d’orchestra Beatrice Venezi, con alla regia ed ai testi Linda Ocone e l’immancabile supervisione di Beppe Menegatti. E poi la Compagnia circense “The Family Circus oltre a tutte le coreografie a cura di Nicoletta Pizzariello (Accademia Nazionale di Danza), Hektor Budlla (Aterballetto) e Giselle Marucci (Accademia Nazionale di Danza). Le scenografie ed i digital visual effect sono a cura di Giovanni Calicchio con i ballerini solisti in scena Odette Marucci, Raffaele Vasto, Giuseppe Paolicelli.

Posto: Teatro Romano di Benevento
Sto caricando…

Su questo sito utilizziamo i Cookie secondo le finalità indicate nella nostra Cookie Policy. Prima di continuare nella navigazione ti chiediamo di fornirci il tuo consenso. Per maggiori informazioni ti invitiamo a visitare la pagina dedicata. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi