fbpx

Prima mondiale di “Holo Harmonies – Death and the Maiden” in contemporanea a Baden-Baden e Praga

Prima mondiale di “Holo Harmonies – Death and the Maiden” in contemporanea a Baden-Baden e Praga

Prima mondiale di “Holo Harmonies – Death and the Maiden” il 1 dicembre 2023 in contemporanea a Baden-Baden e Praga | Orchestra e il Balletto Nazionale Ceco connessi tramite ologramma.

Holo Harmonies – Death and the Maiden

Il conto alla rovescia per il futuro è iniziato. Dopo quattro anni di lavoro di sviluppo, il team artistico di Holo Harmonies sta entrando nella retta finale. Quello che il direttore artistico Markus Korselt e la Stuttgarter Kammerorchester (SKO) hanno intrapreso con questa prima mondiale può giustamente essere chiamato futuristico. Inoltre, è senza precedenti e inedito nel senso letterale del termine. La tecnologia all’avanguardia con risoluzione 4K collega due sedi distanti quasi 600 chilometri. Le esibizioni dal vivo dell’orchestra sotto la direzione di Thomas Zehetmair e del Balletto Nazionale Ceco vengono “teletrasportate” sull’altro palco, sotto forma di ologrammi fotorealistici accanto agli artisti fisicamente presenti.

Holo Harmonies

Holo Harmonies

Tuttavia, la novità di Holo Harmonies non risiede solo nella sua avanzata tecnologia digitale. La produzione sotto la direzione XR di Jana Günther è una prima mondiale tripla, composta dalla nuova creazione del coreografo italiano di fama Mauro Bigonzetti per il Balletto Nazionale Ceco, la colonna sonora elettronica di Sven Helbig, come commento contemporaneo e continuazione di Death and the Maiden di Franz Schubert, così come le animazioni di Moritz Mayerhofer, che introducono un elemento cinematografico e agiscono come una meta-livello visivo per la musica. L’opera iconica di Franz Schubert, integrata dalle composizioni di Helbig e riflessa nella danza e nel film, acquisisce così strati aggiuntivi di significato. In ogni caso, Holo Harmonies promette qualcosa di unico per il pubblico: l’incontro tra l’uomo e la trascendenza, un viaggio in altre sfere, basato e creato dall’innovativa e toccante interazione di tre forme d’arte.

Holo Harmonies

Festspielhaus Baden-Baden e l’Opera di Stato di Praga
Una produzione dello Stuttgarter Kammerorchester in collaborazione con il Balletto Nazionale Ceco

  • Musica: Franz Schubert, Quartetto d’archi n. 14 in re minore “Death and the Maiden” (arrangiato per orchestra d’archi) // prima mondiale di Sven Helbig – prologo e intermezzi per il Quartetto d’archi n. 14 di Schubert
  • Direttore: Thomas Zehetmair
  • Elettronica dal vivo: Sven Helbig
  • Coreografia: Mauro Bigonzetti
  • Direttore XR: Jana Günther
  • Direttore delle animazioni: Moritz Mayerhofer
  • Concept generale: Jana Günther, Markus Korselt, Tobias Scherer
  • Concept XR: Jana Günther, Tobias Scherer
  • Stuttgarter Kammerorchester
  • Balletto Nazionale Ceco

Un’accoppiata perfetta: Nella storia della musica, ci sono poche opere che incarnano la lotta tra questo mondo e l’aldilà con la stessa potenza di Death and the Maiden. Non sorprende quindi che il team composto dal direttore artistico dello SKO Markus Korselt, Jana Günther e il sound designer Tobias Scherer abbia pensato immediatamente al leggendario quartetto d’archi di Franz Schubert quando hanno sviluppato il concetto per la nuova produzione. Dopotutto, il progetto multidisciplinare mira a colmare il divario tra il fisico e lo spirituale, o, nei termini odierni, tra le sfere analogiche e virtuali.

Holo Harmonies

Holo Harmonies

Attraverso la trasmissione tramite ologramma, il Festspielhaus Baden-Baden e l’Opera di Stato di Praga vengono uniti in un’unica sede, con lo Stuttgarter Kammerorchester e il Balletto Nazionale Ceco presenti come proiezioni luminose fotorealistiche sull’altro palco. Ma c’è anche un altro livello. I ballerini e i musicisti si muovono e si fondono con un set animato. Queste immagini sono in parte pre-prodotte, in parte reattive all’audio e interagiscono dal vivo con l’azione scenica.

HOLO HARMONIES alza l’asticella in ogni rispetto. Per calibrare la vista su ogni singolo posto a sedere, le sale di entrambe le sedi sono state completamente scansionate in 3D in anticipo. Molto più importante della perfezione tecnica, però, è l’aspetto tridimensionale coinvolgente. Nebulose a spirale, lune e ammassi stellari creano un ambiente che traduce il conflitto tra vita e morte in sorprendenti immagini cosmiche.

Mauro Bigonzetti

Puoi immaginare il mondo del balletto europeo senza Mauro Bigonzetti? Impossibile! Dopo tutto, il direttore artistico di lunga data di Aterballetto è tra i grandi innovatori della danza moderna, non solo in Italia. Quasi come uno scultore, espone la straordinaria bellezza del corpo attraverso il suo distintivo linguaggio di movimento tra il contemporaneo e il classico. Tuttavia, le sue creazioni sono tutto fuorché accademiche. Bigonzetti è troppo radicato nella vivace cultura popolare della sua nativa Italia, da cui trae spesso ispirazione musicale, ad esempio nella sua firma Cantata.

A proposito, ha già coreografato Death and the Maiden di Franz Schubert in combinazione con i suoni antipodali di Helmut Lachenmann. Nella sua famosa Pression del 1994, Bigonzetti modellò poeticamente, molto vividamente e con impressionante virtuosismo i corpi dei suoi ballerini. Sarà interessante vedere come si svilupperà la nuova esplorazione di questo materiale di origine. È comodo che Mauro Bigonzetti sia familiare con la compagnia: la sua prima collaborazione con il Balletto Nazionale Ceco è stata il balletto completo Kafka: Il Processo del 2019.

Sven Helbig

Sven Helbig (*1968) è uno dei compositori contemporanei tedeschi più distinti e versatili. Stilisticamente, le sue radici sono nella musica elettronica e minimalista, destinata ad essere eseguita da orchestre e ensemble tradizionalmente composti. Ciò rende le opere di Helbig altrettanto compatibili con la scena musicale classica e con quella pop. Da un lato, il co-fondatore della Dresdner Sinfoniker collabora con i BBC Singers, il Fauré Quartet o il violoncellista Jan Vogler e, dall’altro, con i Pet Shop Boys, i Rammstein o Snoop Dogg.

La musica originale di Helbig per HOLO HARMONIES consiste in un prologo e tre intermezzi che verranno suonati tra i movimenti di Schubert. Per l’incontro tra l’uomo e l’infinito, ha scelto un registro molto speciale, la cosiddetta drone music. Funziona con toni di drone e cluster di toni prolungati per generare una grande, in questo caso estrema, decelerazione. In modo specifico, Helbig ha rallentato elettronicamente passaggi dall’originale di Schubert dell’800 per cento al fine di creare una percezione al di fuori del nostro senso del tempo. Helbig spiega: “Nella mia interpretazione, la morte non è una figura da fiaba, non è il Mietitore Grim, ma qualcosa di fluido che emerge e si tuffa nell’infinito. La nostra vita, limitata nel tempo, si svolge, per così dire, contro uno sfondo eterno, proprio come il silenzio non cessa di esistere quando qualcuno parla”.
Maggiori informazioni: www.svenhelbig.com

Thomas Zehetmair

Triplete: Thomas Zehetmair compie l’impresa di essere altrettanto di successo come violinista, musicista da camera e direttore. Il violinista austriaco cambia repertorio con la stessa facilità con cui cambia ruoli ed è altrettanto a suo agio con il periodo classico-romantico, moderno e contemporaneo. Come musicista da camera, è presente sulle scene concertistiche internazionali con il suo Zehetmair Quartet dal 1994. Come violinista, presenta regolarmente pezzi in prima esecuzione, tra cui il Concerto per violino di Heinz Holliger, che gli è dedicato. Numerose registrazioni premiate e collaborazioni con direttori come Sir Simon Rattle, Daniel Barenboim e Herbert Blomstedt attestano la sua posizione mondiale come solista. La sua ultima registrazione di Sei soli di Bach sul violino barocco ha ricevuto particolare attenzione. Ha aperto la lista dei migliori del 2019 del New York Times, è stata una delle sei raccomandazioni dell’anno di ZEIT e ha vinto l’Opus Klassik 2020 per la migliore registrazione solista.

Nella stagione 2019/2020, Thomas Zehetmair è diventato direttore principale dello Stuttgarter Kammerorchester. Insieme al direttore dello SKO Markus Korselt, ha dimostrato di essere una forza trainante dietro la strategia di innovazione persistente dell’orchestra. Thomas Zehetmair ricopre anche i ruoli di Chef principal dell’Orchestre National d’Auvergne e di Conductor Laureate della Royal Northern Sinfonia, che ha plasmato in una delle orchestre leader in Inghilterra.

Animazione e XR

Lo spettacolare universo virtuale di HOLO HARMONIES è un Gesamtkunstwerk collaborativo di Jana Günther, Tobias Scherer e Moritz Mayerhofer. Tutti e tre hanno acquisito le loro competenze presso la Filmakademie Baden-Württemberg e hanno intrapreso carriere di successo nel cinema e nei media dopo la laurea. I tre condividono anche la loro preferenza per produzioni che utilizzano le tecnologie più avanzate disponibili oggi.
Quattro anni di lavoro di sviluppo sono stati investiti nella produzione, e si vede. HOLO HARMONIES opera ancora una volta al limite della tecnologia, con un alto rapporto in tempo reale e la massima precisione riguardo alla fusione dei livelli di proiezione, musica e danza.

La direttrice XR e produttrice creativa Jana Günther spiega: “Miriamo a un massimo di immersione per il pubblico. E allo stesso tempo a un’esperienza variegata, ultraterrena, ambigua.” Proprio come il costante cambiamento del cosmo visivo che i tre artisti hanno progettato per HOLO HARMONIES. Un flusso di immagini che è impossibile fissare e mantiene l’equilibrio tra questo mondo e il prossimo. Jana Günther ancora una volta: “Lavorando su HOLO HARMONIES, sono stata affascinata da come creiamo una dimensione completamente nuova di simultaneità. Perché grazie alla tecnologia, vivremo la stessa cosa in entrambi i luoghi – senza mai vedere la stessa identica cosa!”

Jana Günther

Basandosi sulla sua ampia esperienza in ruoli così diversi come autore, direttrice XR e produttrice creativa, Jana Günther si specializza nello sviluppo di progetti digitali di alto profilo, principalmente transdisciplinari, per organizzazioni artistiche. Ha acquisito le necessarie competenze pratiche in posizioni presso Saarländischer Rundfunk, Grundy UFA e Constantin Television, tra gli altri. Come autore, ha anche avuto un ruolo nel successo della produzione Wegesrand GmbH Wo ist Goldi? – Sicher Surfen im Netz, che ha ottenuto il Canadian International Serious Play Award 2022.
Maggiori informazioni: www.super-volt.de

Moritz Mayerhofer

È un regista di animazione, autore e fondatore di StudioNICE creative. Il suo lavoro è stato mostrato in festival di tutto il mondo e ha ricevuto numerosi premi, in particolare il suo cortometraggio Urs, che è stato anche nella lista dei candidati agli Oscar nel 2011. Solo di recente, Mayerhofer è stato coinvolto in un evento di rilievo al Barbican Centre di Londra. Ha progettato le animazioni visive del concerto per la composizione 7 Planets di Alev Lenz, eseguita dal vocal ensemble vincitore del Grammy Roomful of Teeth.
Maggiori informazioni: www.moritzmayerhofer.com

Stuttgarter Kammerorchester

Lo Stuttgarter Kammerorchester (SKO), fondato già nel 1945 dal direttore Karl Münchinger, è uno dei più antichi orchestre da camera al mondo. Attualmente è guidato dal direttore principale Thomas Zehetmair, dal partner artistico Jörg Widmann e dal direttore gestionale e artistico Markus Korselt. Il team di gestione vede la propria missione in un doppio ruolo: preservare la tradizione stabilendo standard artistici e programmatici per il futuro. Questo principio è anche da dove l’SKO trae le sue idee creative. Oggi, l’SKO è una delle formazioni più versatili al mondo – grazie al suo ricco repertorio che spazia dal barocco alle prime mondiali e alla collaborazione con solisti di fama internazionale. Inoltre, l’orchestra ben viaggiata è nota per superare audacemente i confini di genere, ideando formati freschi e accessibili in collaborazione con eminenti artisti che spesso hanno una formazione nel jazz e nella musica elettronica. Lo SKO pone una particolare attenzione alla digitalizzazione, proponendo costantemente nuovi progetti e visioni al fine di raggiungere un vasto pubblico. Nel marzo 2022, lo SKO è diventato la prima orchestra in Germania a raggiungere la neutralità climatica.
Maggiori informazioni: www.stuttgarter-kammerorchester.com

Balletto Nazionale Ceco

Abbracciando il modernismo senza trascurare i grandi classici: Con la sua apertura e la promozione della danza contemporanea, il Balletto Nazionale Ceco ha tracciato il suo proprio percorso nella scena della danza dell’Europa orientale, prevalentemente orientata al classico. Ciò è dovuto in gran parte al suo direttore, Filip Barankiewicz, un regista che è estremamente ben collegato nel mondo del balletto e la cui carriera è stata significativamente plasmata dai suoi anni come primo solista con lo Stuttgart Ballet.

Dettagli Redazione DanzApp

Staff della Redazione di DanzApp.it Mettiti in contatto con i nostri referenti per maggiori informazioni, inviarci una richiesta specifica, o se hai problemi con il tuo account. Sempre in punta di piedi!
error: Contenuto protetto!
International Dance Competition MT.12