fbpx

Stuttgarter Kammerorchester: prima mondiale “Holo Harmonies – Death and the Maiden” il 1 dicembre 2023 parallelamente al Festspielhaus Baden-Baden, all’Opera di Stato di Praga

Stuttgarter Kammerorchester: prima mondiale “Holo Harmonies – Death and the Maiden” il 1 dicembre 2023 parallelamente al Festspielhaus Baden-Baden, all’Opera di Stato di Praga

L’Orchestra e il Balletto Nazionale Ceco sono collegati tramite ologramma

Holo Harmonies – Death and the Maiden

Musica del futuro: la Stuttgarter Kammerorchester (SKO) sotto la direzione di Markus Korselt è nota per aver testato e ampliato con successo i confini artistici e digitali. Tuttavia, l’ultimo progetto della SKO sembra decisamente fantascientifico. Un concerto e un balletto integrale, eseguiti in parallelo in due località distanti quasi 600 km l’una dall’altra. Utilizzando la tecnologia più moderna e la risoluzione 4K, gli artisti dell’altra sede appaiono sul palco come proiezioni a grandezza naturale, apparentemente reali, “trasparenti” proprio accanto ai musicisti o ballerini fisicamente presenti. Inoltre, HOLO HARMONIES è una triplice première.

  • Prima mondiale n. 1 è una nuova creazione del coreografo italiano Mauro Bigonzetti per il Balletto Nazionale Ceco.
  • Prima mondiale n. 2 è la colonna sonora elettronica moderna: un prologo appena composto e tre intermezzi di Sven Helbig, che completano La morte e la fanciulla di Franz Schubert. La Stuttgarter Kammerorchester si esibirà sotto la direzione del suo direttore principale Thomas Zehetmair.
  • Prima mondiale n. 3 sono le animazioni di Moritz Mayerhofer, che introducono un elemento cinematografico accanto agli ologrammi e, sotto la direzione XR di Jana Günther, fungono da metalivello visivo per la musica.

Sviluppato e realizzato da questo team interdisciplinare, HOLO HARMONIES apre una nuova dimensione completamente contemporanea dell’iconica opera di Franz Schubert. L’uomo e la trascendenza non si toccano solo attraverso il suono e la danza. La scena è pronta per un incontro inquietante di immagini incorporee e in movimento.

Holo Harmonies

Holo Harmonies

Venerdì 1 dicembre 2023 alle 20:00
Stuttgarter Kammerorchester e il Balletto Nazionale Ceco
Anteprima mondiale

ARMONIE HOLO – La Morte e la Fanciulla

Festspielhaus Baden-Baden e Opera di Stato di Praga
Una produzione della Stuttgarter Kammerorchester in collaborazione con il Balletto Nazionale Ceco

  • Musica: Franz Schubert, Quartetto per archi n. 14 in re minore La Morte e la fanciulla (arrangiato per orchestra d’archi) // Prima esecuzione mondiale di Sven Helbig – prologo e intermezzi per il Quartetto per archi n. 14 di Schubert
  • Direttore: Thomas Zehetmair
  • Elettronica dal vivo: Sven Helbig
  • Coreografia: Mauro Bigonzetti
  • Direttore dell’XR: Jana Günther
  • Direttore dell’animazione: Moritz Mayerhofer
  • Concetto generale: Jana Günther, Markus Korselt, Tobias Scherer
  • Concetto XR: Jana Günther, Tobias Scherer
  • Orchestra della Kammerorchester di Stoccarda
  • Balletto Nazionale Ceco

Un abbinamento perfetto: nella storia della musica, ci sono pochi brani che incarnano la lotta tra questo mondo e l’aldilà in modo così potente come Death and the Maiden. Non c’è quindi da meravigliarsi che il team composto dal direttore artistico della SKO Markus Korselt, Jana Günther e dal sound designer Tobias Scherer abbia pensato subito al leggendario quartetto d’archi di Franz Schubert quando ha sviluppato il concetto per la nuova produzione. Dopotutto, il progetto multidisciplinare mira a colmare il divario tra la sfera fisica e quella spirituale – o in termini odierni – tra la sfera analogica e quella virtuale.

Attraverso la trasmissione di ologrammi, il Festspielhaus Baden-Baden e l’Opera di Stato di Praga si uniscono in un unico luogo, mentre la Stuttgarter Kammerorchester e il Balletto Nazionale Ceco sono presenti come proiezioni di luci fotorealistiche sull’altro palco. Ma c’è anche un altro livello. I ballerini e i musicisti si muovono e si fondono con un set animato. Queste immagini sono in parte pre-prodotte, in parte audio-reattive e interagiscono dal vivo con l’azione scenica.

HOLO HARMONIES fissa il livello molto alto sotto ogni aspetto.

Per calibrare individualmente la visuale su ciascun posto, gli auditorium di entrambe le sedi sono stati precedentemente scansionati completamente in 3D. Molto più importante della perfezione tecnica, tuttavia, è l’aspetto 3D coinvolgente. Nebulose a spirale, lune e ammassi stellari creano un’ambientazione che traduce il conflitto tra la vita e la morte in straordinarie immagini cosmiche.

Mauro Bigonzetti

Riesci a immaginare un mondo del balletto europeo senza Mauro Bigonzetti? Impossibile! Del resto lo storico direttore artistico dell’Aterballetto si colloca tra i grandi innovatori della danza moderna, non solo italiana. Quasi come uno scultore, espone la bellezza mozzafiato del corpo attraverso il suo linguaggio distintivo di movimento tra contemporaneo e classico. Tuttavia, le sue creazioni sono tutt’altro che accademiche. Bigonzetti è troppo radicato nella vibrante cultura popolare della sua nativa Italia, da cui spesso trae ispirazione musicale, ad es. nel suo pezzo caratteristico Cantata.

Per inciso, ha già coreografato La morte e la fanciulla di Franz Schubert in combinazione con i suoni agli antipodi di Helmut Lachenmann. Nella sua famosa Pression del 1994, Bigonzetti ha modellato i corpi dei suoi ballerini in modo poetico, molto vivido e con impressionante virtuosismo. Sarà interessante vedere come andrà a finire la nuova esplorazione di questo materiale originale. Le prove con il Balletto Nazionale Ceco inizieranno a metà ottobre 2023. È una comodità che Mauro Bigonzetti conosca la compagnia: nel 2019 ha creato il balletto Kafka: Il processo per Praga.

Sven Helbig

Sven Helbig (*1968) è uno dei compositori tedeschi contemporanei più illustri e versatili. Stilisticamente, le sue radici affondano nella musica elettronica e minimalista, pensata per essere eseguita da orchestre ed ensemble tradizionalmente composti. Ciò rende le opere di Helbig ugualmente compatibili con la scena della musica classica e con quella pop. Il cofondatore della Dresdner Sinfoniker collabora quindi da un lato con i BBC Singers, il Fauré Quartet o il violoncellista Jan Vogler e dall’altro con i Pet Shop Boys, Rammstein o Snoop Dogg.

La musica originale di Helbig per HOLO HARMONIES consiste in un prologo e tre intermezzi che verranno suonati tra i movimenti di Schubert. Per l’incontro tra l’uomo e l’infinito ha scelto un registro molto speciale, la cosiddetta musica dei droni. Funziona con toni drone e cluster di toni prolungati per generare una decelerazione eccezionale, in questo caso estrema. Nello specifico, Helbig ha rallentato elettronicamente i passaggi dell’originale di Schubert dell’800% per creare una percezione al di fuori del nostro senso del tempo. Helbig spiega: „Nella mia interpretazione, la morte non è una figura fiabesca, non il Tristo Mietitore, ma qualcosa di fluido che emerge e si tuffa nell’infinito. La nostra vita, che è limitata nel tempo, si svolge, per così dire, su uno sfondo eterno – proprio come il silenzio non cessa di esistere, quando qualcuno parla.“

Maggiori informazioni: www.svenhelbig.com

Thomas Zehetmair

Tripletta: Thomas Zehetmair riesce nell’impresa di avere altrettanto successo come violinista, musicista da camera e direttore d’orchestra. Il violinista di origine austriaca cambia repertorio con la stessa facilità con cui cambia ruolo, ed è ugualmente a suo agio con i periodi classico-romantico, moderno e contemporaneo. Come musicista da camera, è presente sui palcoscenici internazionali con il suo Quartetto Zehetmair dal 1994. Come violinista, esegue regolarmente brani in prima assoluta, tra cui il Concerto per violino di Heinz Holliger, a lui dedicato. Numerose registrazioni pluripremiate e collaborazioni con direttori come Sir Simon Rattle, Daniel Barenboim e Herbert Blomstedt attestano la sua fama mondiale come solista. Particolare attenzione è stata riservata alla sua ultima registrazione dei Sei soli di Bach per violino barocco. Ha aperto la lista Best of 2019 del New York Times, è stato uno dei sei consigli ZEIT dell’anno e ha vinto l’Opus Klassik 2020 per la migliore registrazione solista.

Nella stagione 2019/2020 Thomas Zehetmair è diventato direttore principale della Stuttgarter Kammerorchester. Insieme al direttore della SKO Markus Korselt, si è dimostrato una forza trainante dietro la persistente strategia di innovazione dell’orchestra. Thomas Zehetmair ricopre anche la carica di Chef Principal dell’Orchestre National d’Auvergne e di Direttore Laureato della Royal Northern Sinfonia, che ha trasformato in una delle principali orchestre inglesi.

Animazione e XR

Lo spettacolare universo virtuale di HOLO HARMONIES è un Gesamtkunstwerk collaborativo di Jana Günther, Tobias Scherer e Moritz Mayerhofer. Tutti e tre hanno acquisito il loro know-how presso la Filmakademie Baden-Württemberg e dopo la laurea hanno intrapreso una carriera di successo nel cinema e nei media. I tre condividono anche la preferenza per le produzioni che utilizzano la tecnologia più avanzata oggi disponibile.

Sono stati necessari quattro anni di lavoro di sviluppo per la produzione – e si vede. HOLO HARMONIES opera ancora una volta all’avanguardia tecnologica, con un elevato rapporto in tempo reale e la massima precisione per quanto riguarda i livelli di fusione di proiezione, musica e danza.

Jana Günther, direttrice e produttrice creativa di XR, spiega: “Puntiamo a un” massimo di immersione per il pubblico. E allo stesso tempo un’esperienza varia, ultraterrena e ambigua.“ Proprio come il cosmo visivo in costante cambiamento che i tre artisti hanno progettato per HOLO HARMONIES. Un flusso di immagini impossibile da definire che mantiene l’equilibrio tra questo mondo e l’altro. Jana Günther ancora una volta: “Lavorando su HOLO HARMONIES, sono rimasta affascinata da come creiamo una dimensione completamente nuova di simultaneità. Perché grazie alla tecnologia vivremo la stessa cosa in entrambi i luoghi – senza mai vedere la stessa cosa!”

Jana Gunther

Basandosi sulla sua vasta esperienza in ruoli diversi come autrice, regista di XR e produttrice creativa, Jana Günther è specializzata nello sviluppo di progetti digitali di alto profilo, per lo più transdisciplinari, per organizzazioni artistiche. Ha acquisito le competenze pratiche necessarie ricoprendo, tra gli altri, incarichi presso Saarländischer Rundfunk, Grundy UFA e Constantin Television. Come autrice ha contribuito al successo della produzione della Wegesrand GmbH Wo ist Goldi? – Sicher Surfen im Netz, che ha ricevuto il Canadian International Serious Play Award 2022.

Maggiori informazioni: www.super-volt.de

Moritz Mayerhofer

È un regista di animazione, autore e fondatore di StudioNICE creative. Il suo lavoro è stato proiettato in festival di tutto il mondo e ha ricevuto numerosi premi, tra cui il suo cortometraggio Urs, che era anche nella lista dei candidati per l’Oscar nel 2011. Solo pochi giorni fa Mayerhofer è stato coinvolto in un evento degno di nota al Barbican Centre di Londra. . Ha progettato le immagini animate del concerto per la composizione di Alev Lenz 7 Planets, presentata in anteprima dall’ensemble vocale vincitore del Grammy Award Roomful of Teeth.

Maggiori informazioni: www.moritzmayerhofer.com

Stuttgarter Kammerorchester

La Stuttgarter Kammerorchester (SKO), fondata già nel 1945 dal direttore Karl Münchinger, è una delle orchestre da camera più antiche del mondo. Attualmente è diretta dal direttore principale Thomas Zehetmair, dal partner artistico Jörg Widmann e dal direttore generale e artistico Markus Korselt. Il team di gestione vede la propria missione in un duplice ruolo: preservare la tradizione e stabilire standard artistici e programmatici per il futuro. Da questo principio la SKO trae le sue idee creative. Oggi la SKO è tra gli ensemble più versatili al mondo, grazie al suo ricco repertorio che spazia dal barocco alle prime mondiali e alla collaborazione con solisti di fama internazionale. Inoltre, l’orchestra di lunga data è anche nota per trascendere coraggiosamente i confini del genere, ideando formati nuovi e accessibili in collaborazione con eminenti artisti che spesso hanno un background nel jazz e nella musica elettronica. La SKO pone un’attenzione particolare alla digitalizzazione e propone costantemente nuovi progetti e visioni per raggiungere un vasto pubblico. Nel marzo 2022 la SKO è diventata la prima orchestra in Germania a raggiungere la neutralità climatica.

Maggiori informazioni: www.stuttgarter-kammerorchester.com

Balletto Nazionale Ceco

Abbracciare il modernismo senza trascurare i grandi classici: con la sua apertura e il suo sostegno alla danza contemporanea, il Balletto Nazionale Ceco si è ritagliato un proprio percorso nella scena della danza prevalentemente classica dell’Europa orientale. Ciò è dovuto in gran parte al direttore Filip Barankiewicz, un regista molto ben inserito nel mondo del balletto e la cui carriera è stata segnata in modo significativo dai suoi anni come primo solista al Balletto di Stoccarda.

La Stuttgarter Kammerorchester desidera ringraziare lo sponsor principale, il Ministero degli Esteri federale tedesco, che ha aiutato questo progetto a decollare. Un sentito ringraziamento va anche agli altri sponsor e sostenitori nonché ai principali partner della SKO – la Città di Stoccarda, lo Stato del Baden-Württemberg e la Robert Bosch GmbH.

Dettagli Redazione DanzApp

Staff della Redazione di DanzApp.it Mettiti in contatto con i nostri referenti per maggiori informazioni, inviarci una richiesta specifica, o se hai problemi con il tuo account. Sempre in punta di piedi!
error: Contenuto protetto!
W La Danza - IX Edizione | Concorso Internazionale di Danza Edizione 2024